0 Elementi
Seleziona una pagina

Il segreto per un buon caffè non è solo nella sua qualità: certo, un ottimo 100% Arabica Gold per moka aiuta senza dubbio a gustare un espresso davvero aromatico e gustoso, ma anche gli strumenti con cui lo prepariamo contano. Ecco perché sapere come pulire la moka e mantenerla sempre al top fa parte del bagaglio di conoscenze che ogni amante del caffè dovrebbe avere.

Quando è il momento di pulire la propria caffettiera?

Che si tratti di moka o napoletana, è comunemente accettato il fatto che l’espresso esca più gustoso quando la macchina con cui lo prepariamo non è nuova al 100%: più caffè si preparano, più la nostra bevanda in tazzina potrà vantare un gusto pieno e deciso. C’è chi dice che questo sia vero e chi lo considera una specie di leggenda, ma qualsiasi sia la vostra idea, su una questione non c’è dubbio: prima o poi la moka deve essere pulita.

La domanda è quando: esiste un numero di caffè dopo il quale è consigliato passare alla manutenzione? Oppure quali segni cercare per capire che è arrivato il momento della pulizia?

Senza dubbio è arrivato il momento di pulire la vostra moka quando al suo interno ed esterno sono visibili segni di bruciato, residui di polvere di caffè e quando il filtro non funziona più come dovrebbe.

Scopriamo insieme come pulire la vostra moka in ogni situazione (se invece possedete tipologia elettrica, scoprite qui come pulire la macchina del caffè). Ma prima di cominciare, tenete bene a mente la prima regola: mai pulire la moka con saponi e detergenti per piatti, ma sempre e solo con acqua, e possibilmente farlo ogni giorno per non incorrere in incrostazioni e ossidazioni.

Come pulire la moka esternamente

La vostra moka è macchiata e sembra non voler tornare splendente come un tempo? Non vi preoccupate, il modo per farlo è il più semplice e immediato: scegliete una spugna morbida, così che la superficie della nostra macchina per il caffè non venga rigata, e usate un mix di acqua tiepida e aceto per sgrassare la superficie della caffettiera. Un po’ di olio di gomito dovrebbe risolvere la situazione e portare via le macchie. Per evitare questo problema ricordatevi di pulire sotto l’acqua la caffettiera dopo ogni uso così da evitare le incrostazioni.

Metodi per pulire la moka

Come pulire l’interno della caffettiera

Pulire l’interno della moka richiede qualche attenzione in più per assicurarsi di non rovinare il gusto del caffè che prepareremo: questo è il motivo alla base della regola alla quale abbiamo accennato in precedenza, ossia il divieto assoluto di utilizzare saponi e detergenti per piatti: il profumo in essi contenuto può rimanere all’interno della moka e rovinare il gusto del nostro prossimo espresso. Anche in questo caso si consiglia un lavaggio soft con acqua tiepida, e nel caso in cui lo sporco sia molto resistente, un piccolo trucco: inserite del bicarbonato nel comparto del caffè e riempite il serbatoio con acqua e un po’ di aceto. Ora mettete sul fuoco e seguite lo stesso procedimento con cui preparereste il caffè. Questa operazione aiuterà l’interno della vostra caffettiera a tornare pulita e splendente come un tempo. Dopo assicuratevi di far andare la caffettiera con acqua e un cucchiaio di caffè una o due volte, così da assicurarvi che il sapore dell’aceto sia scomparso.

Pulire la moka dalla muffa

Nel caso in cui una caffettiera sia stata asciugata con poca attenzione dimenticando al suo interno un residuo di acqua o umidità – o ancora peggio caffè – e magari lasciata inutilizzata per qualche tempo può succedere si formino al suo interno macchie di muffa. Ovviamente prima di utilizzare nuovamente la caffettiera è bene liberarsene. Per far ciò è bene per prima cosa cercare di pulire il più possibile l’interno dalla muffa, anche con l’aiuto di una spugnetta abrasiva. Dunque, procedere come visto nel caso della pulizia intensiva, ossia con una miscela di acqua e aceto e del bicarbonato, quindi con i risciacqui di sola acqua e un cucchiaio di caffè per un minimo di due volte.

Come pulire il filtro della caffettiera

Infine, se a necessitare pulizia è il filtro, il consiglio è quello di immergerlo in acqua calda e aceto lasciandolo in ammollo per qualche tempo; questo dovrebbe far sì che i forellini si liberino di residui quali granelli di caffè o calcare. Per evitare invece a priori che il filtro si blocchi è buona pratica lasciare il meno possibile il residuo del caffè dentro la macchina una volta preparato il nostro espresso, aspettando che la caffettiera di raffreddi per svuotarla e pulirla…e sfruttare uno dei tanti usi della posa del caffè.

 

Questi sono i nostri consigli per pulire la moka e assicurarsi di preparare sempre un ottimo caffè, buono e aromatico come quello dei bar Pasqualini!

Pin It on Pinterest

0