Seleziona una pagina
  • CAPSULE

    • CAFFE’


    • ORZO


    • GINSENG


    • THE


    • CAPPUCCINO


    • CIOCCOLATA


    • DECAFFEINATO

  • MACINATO

    • ARABICA GOLD


    • AVORIO


    • BIANCO


    • CREAM


    • DECAFFEINATO


    • LATTINE

  • GRANI

    • ARABICA GOLD
      Arabica 100%


    • SILVER
      Arabica 90%


    • GREEN
      Arabica 80%


    • DECAFFEINATO

  • NON SOLO CAFFÈ
  • AREA BAR

Per noi Italiani, si sa, il buon caffè è una priorità: l’espresso è parte della nostra cultura e come tale ne coltiviamo attivamente la tradizione. Tuttavia, non c’è tazzina deliziosa senza una buona manutenzione di caffettiere e macchine elettriche: oggi vediamo insieme come pulire le macchine del caffè più comuni.

Macchina del caffè: una sola bevanda, tante tipologie

Se siete dei veri appassionati di espresso, di certo saprete che esistono diverse tipologie di macchina del caffè: quelle più comunemente conosciute sono dedicate all’utilizzo in attività commerciali come bar o ristoranti, ma ne esistono diverse versioni -meno voluminose e complesse – perfette per chi anche a casa vuole gustare l’espresso come al bar o ha abbandonato la tradizionale caffettiera. Oggi ci occuperemo dunque della pulizia delle macchine per il caffè espresso più diffuse nelle case degli italiani, mentre per le macchine da bar rimandiamo a un prossimo articolo.

Le macchine per preparare il caffè espresso con utilizzo casalingo – escludendo le classiche caffettiere – sono principalmente di tre categorie:

Tutte e tre queste diverse attrezzature sono simili nella composizione meccanica, essendo composte da un serbatoio per l’acqua, un filtro per dividere la polvere di caffè dalla bevanda e un erogatore, e proprio per questo gli accorgimenti per la loro pulizia sono molto simili.

Ma da cosa sono provocati i problemi che rendono la pulizia periodicamente necessaria?

Il problema principale della macchine per il caffè: il calcare

L’espresso preparato con la vostra amata macchina per il caffè ha un gusto strano, oppure ha iniziato a uscire con difficoltà e in quantità minime: che cosa sta succedendo? Non vi preoccupate, non dovete mandare la macchina per il caffè in pensione, ma è senza dubbio arrivato il momento di pulirne l’interno: il problema in cui siete incorsi è con grande probabilità il calcare che, avendo incrostato filtro e tubicino di erogazione, impedisce il corretto fuoriuscire della bevanda o “la sporca” durante l’erogazione. Il calcare, purtroppo, è una seccatura fisiologica per le macchine del caffè, trattandosi di residui lasciati dall’acqua che scorre al loro interno, ed è spesso sottovalutato; tuttavia, se lasciato senza soluzione troppo a lungo può arrivare a rovinare per sempre l’apparecchiatura, che a quel punto necessiterà di un intervento di cambio delle parti o – in casi estremi – dovrà essere sostituita in toto. Il calcare può arrivare non solo a tappare tubi e filtri, ma a lungo andare può addirittura corrodere il metallo. Consigliamo dunque di effettuare subito la pulizia che vedremo tra poco al primo insorgere di problema.

Come si pulisce la macchina per il caffè espresso?

La pulizia della macchina per il caffè è un processo laborioso ma molto semplice e intuitivo: a meno che il calcare formatosi non sia eccessivo, sarà necessaria una conoscenza molto basilare della composizione della macchina.

Per prima cosa, che la macchina sia a cialde, a capsule o a caffè macinato, sarà bene liberarla da eventuali residui di caffè o confezioni vuote, e svuotare l’acqua rimasta nel serbatoio. Il passo successivo sarà la preparazione della miscela che ci aiuterà a liberare le componenti dal calcare.

Pulizia della macchina del caffè con metodi naturali: aceto o bicarbonato?

Esistono diversi prodotti chimici decalcificanti per liberare le macchine del caffè dal terribile calcare e riportarle alla loro condizione di funzionamento iniziale, ma se non se ne ha uno a disposizione non c’è da preoccuparsi, perché i rimedi della nonna vengono in nostro soccorso: sarà sufficiente munirsi di una semplice miscela di aceto e acqua per risolvere il problema senza danneggiare le parti meccaniche della macchina.

Una volta ripulita e svuotata la macchina del caffè, sarà necessario preparare una soluzione con una parte di aceto (non più del 30%) e una parte di acqua. Premurarsi dunque di posizionare un contenitore abbastanza capiente sulla piccola piattaforma utilizzata per sistemare le tazzine, perché dovrà raccogliere liquido in abbondanza.

A questo punto potrete riempire completamente il serbatoio con la soluzione di acqua e aceto appena preparata, accendere la macchina e aspettare che si riscaldi. Quando la spia segna il verde, fate partire la macchina come se steste preparando un caffè e non fermatela sino a che il serbatoio non sia completamente vuoto. Noterete sin da subito come l’aceto, fuoriuscendo, sia di colore diverso.

Dopo aver usato tutta l’acqua e aceto del serbatoio, la macchina è pulita; ora è il momento di togliere il residuo di gusto d’aceto dai tubi, così che l’aroma fragrante del nostro prossimo espresso non ne venga rovinato; per fare ciò, sarà necessario ripetere la stessa operazione, ma con semplice acqua tiepida.

Per il corretto funzionamento della vostra macchina per espresso, è inoltre bene pulire periodicamente ogni suo componente: per fare ciò è sufficiente smontare ogni pezzo mobile, appoggiare il tutto su una vecchia tovaglia, spruzzare con sgrassante e risciacquare per bene. L’interno del serbatoio dell’acqua può essere pulito delicatamente con acqua e limone.

Il metodo con acqua e aceto è quello più semplice ed economico per prendersi cura della propria macchina del caffè, ma tra i consigli c’è anche quello di utilizzare il bicarbonato; tuttavia, attenzione: questo metodo non funziona sempre e, essendo corrosivo, rischia a lungo andare di rovinare i delicati componenti della macchina.

Ecco dunque la nostra piccola guida che spiega come pulire la macchina del caffè: effettuate questa semplice manutenzione periodicamente e potrete gustare un buon espresso ogni giorno.

 

Pin It on Pinterest