0182.58.25.91      Account info@pasqualiniilcaffe.it
Seleziona una pagina

State ancora cercando di recuperare la linea dopo le abbuffate del periodo natalizio? Preparatevi ad acquistare caffè di qualità in abbondanza dopo aver letto l’articolo di oggi, perché – incredibile ma vero – se non esiste una dieta del caffè tuttavia la nostra tazzina preferita può concorrere ad aiutarci nello smaltire i chili di troppo.

Dieta del caffè: un miraggio o una realtà?

Molti sono i siti che parlano di dieta del caffè, promettendo miracoli a chi decida di seguirla. Sfortunatamente, come spesso capita quando si entra nel delicato argomento della perdita di peso, di miracoloso c’è ben poco e seguire una dieta a base di espresso può portare a problemi anche gravi legati all’ingerimento di una dose giornaliera di caffè eccessiva. Inoltre, il caffè non contiene sostanze nutrienti a sufficienza per sostentare il fisico, e ulteriormente provoca acidificazione dello stomaco: il suo consumo a stomaco vuoto è sconsigliato per non incorrere in reflusso gastrico e acidità. Possiamo quindi ben dire che una dieta di solo caffè non esiste o se dovesse esistere sarebbe dannosa a lungo andare e poco sostenibile per la salute.

Dieta e caffè: validi alleati

Appurato che una vera e propria dieta del caffè non è fattibile, possiamo tuttavia usare il caffè come valido alleato della dieta dimagrante grazie alle sue proprietà benefiche legate al fisico. In particolare, il caffè vanta proprietà lipolitiche e diuretiche: la nostra tazzina preferita infatti aiuta il nostro corpo a liberarsi di grassi e sostanze che lo appesantiscono, oltre a favorire la diuresi e quindi l’ulteriore espulsione di liquidi in eccesso. Il momento giusto per prendere un caffè e sfruttare queste sue proprietà è senza dubbio consumarne una tazzina dopo i pasti: la bevanda aiuterà il nostro corpo a mettere in moto i meccanismi che ci renderanno più leggeri, oltre a favorire la digestione.

Ulteriormente, le naturali caratteristiche energizzanti del caffè aiutano chi lo consuma a rimanere sveglio e attivo, riducendo i momenti statici e quindi l’accumulo di grassi causato dal poco movimento.

Il conto delle calorie

Ovviamente ci riferiamo al caffè amaro: c’è una grande differenza tra una semplice tazzina di caffè senza aggiunta di zuccheri o dolcificanti e per esempio un Frappuccino.

Come visto in un precedente articolo, il conto delle calorie contenute in un caffè amaro è davvero limitato: se ricette come il suddetto Frappuccino (>500 calorie) o anche solo un semplice caffè al ginseng (25 calorie) vantano un apporto calorico poco adatto a una dieta, il contenuto di una tazzina di espresso semplice, senza l’aggiunta di zucchero, dolcificante, panna, latte o altro è di sole 2 calorie.

Caffè e perdita di peso

Ecco dunque che, pur non potendo parlare di dieta del caffè, è possibile consigliare il caffè in dieta: grazie alle sue naturali proprietà stimolanti che aiutano il corpo a mettersi in movimento, le caratteristiche lipolitiche e diuretiche, e infine l’apporto calorico davvero irrisorio, una tazzina di buon espresso è in tutto e per tutto amica della perdita di peso.

Un ultimo consiglio: ricordate di rivolgervi a professionisti in campo medico e nutrizionisti (per esempio gli iscritti all’A.I.NUT – Associazione Italiana Nutrizionisti) per scegliere una dieta sana e consapevole, perché la perdita di peso possa accompagnarsi alla vostra salute; una dieta del caffè non è una scelta sana, ma il caffè in una dieta equilibrata è un piacere al quale non dovrete rinunciare.

Avete dubbi o domande relativi al caffè in dieta? Scriveteci per parlare insieme di caffè e del mondo che vi ruota intorno.

Pin It on Pinterest

0