Seleziona una pagina
  • CAPSULE

    • CAFFE’


    • ORZO


    • GINSENG


    • THE


    • CAPPUCCINO


    • CIOCCOLATA


    • DECAFFEINATO

  • MACINATO

    • ARABICA GOLD


    • AVORIO


    • BIANCO


    • CREAM


    • DECAFFEINATO


    • LATTINE

  • GRANI

    • ARABICA GOLD
      Arabica 100%


    • SILVER
      Arabica 90%


    • GREEN
      Arabica 80%


    • DECAFFEINATO

  • NON SOLO CAFFÈ
  • AREA BAR

La sfida su quale sia la caffettiera preferita dagli italiani è ben lungi dall’essere alla sua conclusione, ma spesso la scelta ricade sulla moka perché più semplice da utilizzare. La caffettiera napoletana, infatti, ha un meccanismo di funzionamento peculiare e molti amanti del caffè, nonostante la loro passione, non la sanno utilizzare.

La napoletana e il vero caffè di Napoli

Se è vero che in tutta Italia la tradizione dell’espresso è diffusa e radicata, a Napoli è una vera e propria istituzione, dal famoso caffè sospeso ad accorgimenti quali il bicchiere d’acqua per accompagnarlo: qui il caffè – magari un ottimo Arabica Gold espresso, è un rituale ricordato e celebrato da artisti e personalità, e la semplice tazzina dopo pranzo arriva in alcuni casi a sfiorare la degustazione.

Abbiamo parlato di rituale, e non a caso: il caffè a Napoli è un momento di raccolta, di socializzazione, di apprezzamento della vita. E parte di questo mondo è la peculiare caffettiera con cui il buon caffè viene preparato in tutte le case: la caffettiera napoletana è una tipologia di macchina per il caffè tradizionale creata su una modifica del classico modello di caffettiera a filtro inventato da Du Belloy nel 1691 e diffusasi nel corso del 1700 in tutta l’area del napoletano, e poi da qui in tutta Italia. Nonostante oggi sia utilizzata meno che in passato, sino al momento in cui Bialetti inventò la sua moka negli anni ’30 la cucumella – come questa caffettiera è anche conosciuta – era il metodo con cui veniva preparato il caffè in tutto il paese.

Com’è composta la caffettiera napoletana

La napoletana ha una composizione diversa rispetto alla semplicissima e intuitiva moka, e proprio per questo è generalmente meno semplice da utilizzare per la preparazione dell’espresso. Essa è composta da 5 parti, di cui due serbatoi:

  • Serbatoio dell’acqua o serbatoio liscio: questa è la parte nella quale si inserisce l’acqua
  • Serbatoio del caffè o serbatoio cavo: qui si inserisce il caffè macinato
  • Filtro del caffè: è il filtro che si avvita sopra il serbatoio cavo
  • Contenitore del caffè, o caffettiera: è la parte con beccuccio e maniglia nella quale il caffè si raccoglie quando è pronto
  • Coperchio: la parte che si avvita sulla caffettiera

La caffettiera napoletana: come funziona?

Ora che abbiamo visto i pezzi che compongono la caffettiera napoletana il procedimento per la preparazione sarà più chiaro, ma vediamo nello specifico gli step per creare un vero caffè napoletano:

  • Disporre tutti e cinque i pezzi componenti la caffettiera a portata di mano
  • Riempire il serbatoio liscio con l’acqua sino al limite indicato
  • Riempire il serbatoio cavo con il caffè facendo attenzione a non schiacciarlo e avvitarci sopra l’apposito filtro
  • Inserire adesso il serbatoio con il caffè all’interno del serbatoio con l’acqua
  • A questo punto avvitare il contenitore del caffè sopra i due serbatoi
  • Mettere sul fuoco la caffettiera napoletana facendo attenzione che la parte con i due serbatoi sia quella direttamente sul fornello e il beccuccio sia al contrario
  • Attendere di sentire il rumore dell’acqua che bolle e che si veda il vapore uscire dal forellino; quando questo accade spegnere il fuoco e ribaltare con un movimento deciso la caffettiera: in questo modo l’acqua bollente si riverserà nel serbatoio del caffè e passerà poi per il filtro, preparando la bevanda che si raccoglierà nel bricco finale
  • Attendere qualche minuto perché il caffè sia pronto, poi svitare la caffettiera e inserire il coperchio
  • Il caffè napoletano è pronto per essere versato nella tazzina con l’apposito beccuccio!

Caffettiera napoletana: antica, tradizionale ma sempre amata

La caffettiera napoletana per lungo tempo è stata la tipologia di macchina per il caffè più diffusa in Italia: il caffè preparato con questo metodo è cremoso e aromatico, e anche se oggi è stata commercialmente soppiantata dalla moka, è parte integrante della cultura dell’espresso diffusa non solo nel napoletano, ma in tutto il paese.

Pin It on Pinterest