Seleziona una pagina

    • CAFFE’


    • ORZO


    • GINSENG


    • THE


    • CAPPUCCINO


    • CIOCCOLATA


    • DECAFFEINATO


    • ARABICA GOLD


    • AVORIO


    • BIANCO


    • CREAM


    • DECAFFEINATO


    • LATTINE


    • ARABICA GOLD
      Arabica 100%


    • SILVER
      Arabica 90%


    • GREEN
      Arabica 80%


    • DECAFFEINATO

  • NON SOLO CAFFÈ
  • AREA BAR

Golosi di cacao? Sicuramente conoscerete tutto sul gusto, l’aroma e le tipologie, ma quanto sapete sui semi di cacao? Se la risposta è “non molto” potete risolvere leggendo il nostro articolo di oggi.

Semi di cacao…o fave di cacao?

Se provate a fare una rapida ricerca su internet, scoprirete che c’è ben poco sui semi di cacao. Già, perché la maggior parte di noi li conosce come “fave di cacao“.

Le fave di cacao non sono dunque altro che i semi dei frutti degli alberi di cacao, conosciuti a loro volta anche come Theobroma cacao. Il Theobroma cacao è un albero sempreverde con altezza dai 5 ai 10 metri originario del Sudamerica; proprio per questa sua origine ha bisogno di temperature elevate e clima caldo per crescere e fruttare.

I frutti dell’albero di cacao sono allungati, un po’ come quelli del cedro, e vengono chiamati cabosse; al loro interno, immerse in una polpa giallastra, si trovano le fave di cacao. Il numero di fave di cacao per frutto è molto vario, e va dalle venti dei frutti più piccoli alle quaranta di quelli più grossi.

Come visto per i chicchi di caffè, prima di essere pronti per l’utilizzo anche i semi della pianta di cacao subiscono diverse fasi di lavorazione: vengono prima fermentate e poi essiccate, dunque spremute, torrefatte e macinate. Tramite le fave di cacao vengono ottenuti diversi prodotti, dal cacao in polvere al cioccolato, sino ad arrivare addirittura agli impieghi farmaceutici.

La storia dei semi di cacao

La pianta del cacao è originaria del Sudamerica, ed è qui che inizia la storia alimentare e non solo di questo prodotto molto speciale: l’utilizzo delle fave di cacao affonda le sue radici nel passato più remoto, durante le civiltà Atzeca e Maya. I semi, scoperti in origine dalle scimmie tropicali, ben presto si diffusero infatti nelle usanze di queste due civiltà, dove sotto il nome di “cacahuat” erano riconosciuti per il loro valore e il loro pregio e utilizzati sia per fini alimentari, sia come merce di scambio, ma anche in ambito religioso e come dono celebrativo di nascite ed eventi importanti.

Le proprietà delle fave di cacao

Le fave di cacao sono famose per le loro proprietà benefiche; sicuramente dedicheremo loro un articolo a se stante in futuro, ma vale la pena dare un’occhiata subito ai loro valori nutrizionali e alle sostanze benefiche che contengono: si tratta infatti di un alimento ricco di vitamine e minerali e agenti antiossidanti, che allo stesso tempo presenta un apporto calorico davvero ridotto.

In particolare, le fave di cacao contengono una percentuale interessante di magnesio, ottimo per la salute cardiaca, e secondo alcune ricerche sarebbero anche l’alimento che contiene in assoluto la quantità più alta di antiossidanti. Inoltre, il cacao è famoso per la stimolazione delle endorfine: questo significa che aiuta a combattere la depressione.

Sembra incredibile come alcuni piccoli semi di cacao possano contenere tanta storia e benefici: i vantaggi sono tanti, vale la pena celebrarli con tutto l’aroma di una cioccolata calda peruviana di qualità superiore!

Pin It on Pinterest